VMware ha presentato il rapporto annuale sullo stato delle tecnologie per il digital workspace e il loro impatto sulle aziende. Il report rivela che in Italia i dipendenti empowered hanno quasi quattro volte più probabilità di registrare un vantaggio nella propria produttività e di spendere il 20% in meno di tempo sui processi manuali. Rendere le app altamente accessibili da qualsiasi dispositivo, alimenta una vera differenza di prestazioni.

Il report di VMware mostra che per i  dipendenti empowered, coloro ai quali viene concesso un maggiore accesso alle applicazioni che preferiscono e con le quali devono svolgere il proprio lavoro, le applicazioni sono molto importanti per accelerare il processo decisionale rispetto ai dipendenti tradizionali (76% rispetto al 42%). La maggior parte dei CIO in tutta l’area EMEA (87%) ritiene che, fornendo ai propri dipendenti disponibilità e accesso alle app, le entrate possano aumentare di oltre il 5% in tre anni.

La ricerca è stata condotta in collaborazione con Forbes Insights a settembre 2017 tra 2.158 CIO e utenti finali di aziende in 16 paesi in tutto il mondo (tra cui 1.107 in 10 paesi dell’EMEA). Il report mette in evidenza che, fra i dipendenti empowered in Italia, la collaborazione aumenti del 17,5% rispetto ai dipendenti tradizionali; sono più inclini a valutare i loro datori di lavoro come leader nella trasformazione digitale rispetto agli altri dipendenti (32% rispetto al 21%) e che la loro azienda sia diventata un luogo di lavoro più desiderabile (il 64% rispetto al 21%).

Offrire ai dipendenti l’accesso ad applicazioni employee-centric altamente accessibili, è essenziale per una trasformazione digitale efficace e di successo. Solo con questa potente combinazione tra iniziative dei dipendenti e fiducia del management, le organizzazioni saranno in grado di creare una cultura in cui la trasformazione digitale inizi ad avere un impatto reale sul business.

 

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn