Tecnologia elettroidraulica ed elettromeccanica unite per una soluzione intelligente e decentralizzata a risparmio energetico: EHA, il nuovo Attuatore Elettro-Idrostatico di Moog. Una soluzione innovativa per la massima produttività, risparmio energetico e riduzione del Total Cost of Ownership (TCO).

 

Idraulico o elettromeccanico? Qual è la tecnologia di attuazione più indicata? Oggi è possibile risolvere il dilemma mediante una soluzione innovativa: l’Attuatore Elettro-Idrostatico (EHA) realizzato da Moog, un sistema ibrido che unisce i vantaggi della tecnologia elettromeccanica e elettroidraulica.

EHA associa infatti i benefici della tecnologia elettroidraulica – robustezza ed alta affidabilità, resistenza alle alte forze, disponibilità dell’opzione “fail safe”, assenza di giochi meccanici – con quelli della tecnologia elettromeccanica, ovvero elevata efficienza energetica, pulizia, basse emissioni di rumore, assenza di centrale idraulica e semplicità di installazione e collaudo.

Si tratta di una soluzione facilmente integrabile nei sistemi esistenti e coniuga il software, il controller e le parti elettriche ed idrauliche, eliminando i componenti pneumatici o idraulici ausiliari.

L’Attuatore Elettro-Idrostatico è costituito da un convertitore di frequenza, un servomotore, una pompa a pistoni radiali, un cilindro idraulico e sensori per la regolazione degli assi. Tutti i componenti sono integrati nel gruppo attuatore, rendendolo completamente autonomo.

Non ha tubazioni idrauliche e questo permette di ridurre considerevolmente i costi e incrementare l’affidabilità e non necessita di convertitori meccanici o di altri meccanismi.

Nell’EHA la trasmissione idrostatica connette il motore elettrico e il cilindro idraulico eliminando le problematiche associate ai grippaggi. Il motore si muove e controlla direttamente l’avanzamento e il ritorno del cilindro, fornendo solo l’energia necessaria.

L’unità motore-pompa è in grado di operare in 2 o 4 quadranti e ha un’interfaccia meccanica che assicura la diretta connessione ai cilindri idraulici o ai blocchi valvole.

L’attuazione elettro-idrostatica permette un miglioramento della produttività grazie ad una drastica riduzione dei fermi macchina ed un aumento significativo dell’efficienza energetica. A tal proposito, i test condotti dall’Università di Dresda, hanno confermato il risparmio di ca. il 30% di energia nell’applicazione su una pressa per stampaggio profondo lamiere.

Inoltre, garantisce un utilizzo limitato di fluido idraulico e un numero ridotto di componenti, diminuendo gli spazi di ingombro degli impianti. Il risultato è una manutenzione semplice e veloce, una riduzione del Total Cost of Ownership (TCO) ed un’attenzione particolare all’ambiente.

L’EHA può essere utilizzato in un’ampia gamma di applicazioni, tra cui le macchine per stampaggio a iniezione e pressofusione, le presse per la formatura metalli, gli oscillatori di colata continua, le turbine a gas e a vapore e nel controllo del passo delle turbine eoliche.

“Dove sono richieste le migliori performance di motion control e la massima flessibilità di progettazione – afferma Gabriella Poletti Amministratore Delegato Moog Italiana s.r.l – Moog offre collaborazione, creatività e soluzioni tecnologiche all’avanguardia, affidabili e personalizzate.”

In dettaglio, infatti, Moog è il fornitore d’eccellenza per i clienti che richiedono configurazioni su misura per le loro applicazioni.

“I nostri ingegneri – conclude Gabriella Poletti – lavorano a stretto contatto con i costruttori di macchine e, grazie ad un approccio technologically neutral, basato sul giusto mix di tecnologie elettriche, idrauliche e ibride creano sempre il sistema più idoneo a soddisfare ogni specifica esigenza, abbinando in un’unica e completa soluzione diversi prodotti della nostra vasta gamma.”

Efficienza, elevata produttività, sicurezza, flessibilità, riduzione dei costi di esercizio e dei consumi energetici: sono queste le caratteristiche chiave della Total Solution Moog che trova largo impiego in numerose applicazioni industriali come il soffiaggio e lo stampaggio delle materie plastiche, la formatura dei metalli, la robotica, il tessile, la generazione di energia, la simulazione e la Formula 1.

 

 

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn