A.M.B., System Integrator – azienda specializzata in soluzioni di automazione industriale – è stata scelta da Maximator Italy, per realizzare un innovativo banco di prova e collaudo completamente automatizzato e interconnesso. Il system integrator fa parte del programma MIPP – Machine Integrator Partner Program di Schneider Electric.

 

L’automazione realizzata da A.M.B. per la macchina Maximator Italy gestisce un banco di collaudo ad alta pressione, destinato alla verifica di tubi flessibili dopo l’assemblaggio e ad effettuare collaudi di accessori, valvole, pompe, filtri e altre componenti sciolte.

Il banco consente di impostare, tramite delle ricette, i parametri desiderati per il collaudo del prodotto, che viene testato a pressioni che vanno da 10 a 7.000 bar, ed ottenere al termine del processo un report che attesta e certifica l’esito della prova.

La macchina ha un livello di sicurezza Performance Level D – ottenuto anche grazie all’adozione di un sistema Schneider Electric di interblocco programmabile, che evita l’apertura del portellone della macchina a collaudo in corso.

A.M.B. ha selezionato i prodotti “Industry 4.0 ready” ed ha sviluppato una soluzione software ad hoc per realizzare un banco di collaudo capace di interconnettersi con la rete aziendale, e che inoltre può essere controllato e gestito da remoto.

In particolare, sono stati utilizzati i PLC Ethernet-Ready M241 di Schneider Electric, configurabili tramite il software dedicato SoMachine

Numerosi i vantaggi: i dati rilevati nell’esecuzione del collaudo sono trasmessi direttamente agli uffici di produzione e amministrativi, che li trasformano in una copia digitale in PDF da aggiungere alla documentazione dei prodotti.

Il controllo e la gestione da remoto sono invece permettono di offrire i necessari servizi (manutenzione, controlli) a clienti finali che si trovano in tutto il mondo e per aumentare ulteriormente la sicurezza di macchine che operano anche a livelli di pressione elevatissimi.

 

 

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn