Per competere è necessario differenziarsi. Per fare ciò, bisogna pensare fuori dagli schemi ed operare con un ragionato anticipo. Nel mondo delle soluzioni rivolte al ciclo di realizzazione dei prodotti (CAD e PDM), è necessario personalizzare i prodotti per soddisfare le esigenze del cliente. Un’esigenza che porta a scegliere un fornitore in grado di dare consulenza, capacità realizzative, formazione ed assistenza evolutiva.

 

L’industria meccanica italiana si distingue nel mondo e compete per eccellere nel realizzare ciò che non è standard. Per soddisfare le esigenze del mercato, è necessario inventarsi nuovi metodi di lavoro cercando alternative, rischiando e ragionando fuori dagli schemi.

Capire le sfide del mercato è fondamentale per trovare soluzioni rapide in un mondo che si sta evolvendo molto velocemente e che ha visto importanti cambiamenti in pochissimi anni.

“Questo è il nostro mercato di riferimento – afferma convinto Pier Angelo Donati, amministratore di QSInfor – per cui ci siamo specializzati nel supportare l’innovazione tecnologica in grado di dare una risposta puntuale alle richieste dei nostri clienti. Siamo talmente certi dell’importanza di innovare, da adottare un detto di Albert Einstein come nostra bandiera: “Imagination is more than knowledge”.  

Ma se innovare è ora, cosa spinge a fare di più per conquistare clienti?

Sul fronte dei prodotti e delle soluzioni, in QSInfor, il metodo si fonda su una storia di successo consolidata e sulla ricerca continua.

A partire dalla progettazione 2D, elaborata negli anni novanta, con il software Top 2D che permetteva di lavorare per parti su AutoCAD e con il software Data&Drawings cioè il PDM per AutoCAD. Negli ultimi dieci anni, poi, si è passati alla progettazione 3D di Inventor.

Ora che sta crescendo sempre più l’era Internet of things, i dispositivi connessi saranno centinaia di migliaia. Vista l’importanza delle architetture Cloud, in QSInfor si sta già operando con Fusion360 di Autodesk in maniera tale da poter gestire soluzioni 3D CAD, CAM, CAE integrate nell’intero processo di sviluppo del prodotto. Il tutto, in un’unica piattaforma cloud-based.

“L’anno 2017 – prosegue Donati – riteniamo che possa essere una svolta per lo sviluppo di personalizzazioni per i nostri clienti in cui saranno utilizzati anche Nastran In-CAD per l’analisi degli elementi finiti, Navisworks per la parte di project review e le nuove tecnologie di Inventor Professional, una ulteriore possibilità per i nostri clienti e per la nostra struttura interna di sviluppo: otto persone che lavorano quotidianamente sul personalizzato. Questo ci permette di distinguerci e di fare la differenza, anche in merito ai benefici: i nostri clienti riducono i loro tempi di realizzazione di prodotto mediamente di un 25-30%. Il nostro miglior biglietto da visita”.

BOX-Azienda

QSInfor è stata fondata nel 1994 da Pier Angelo Donati e Massimiliano Marenghi, ancora titolare. È una Software House italiana indipendente che opera nel mondo CAD e PDM.

L’azienda lavora sul territorio con due sedi operative: una a Parma ed una a Verona e ha all’attivo più di 2000 clienti su tutto il territorio nazionale, con un organico di 30 persone. QSInfor sviluppa soluzioni software ed integrazioni/interfacce con i sistemi informativi aziendali operando in diversi ambienti CAD: AutoCAD, AutoCAD LT, Inventor, BricsCAD e Solidworks.

Il modus operandi di QSInfor nasce dalla consulenza grazie ad un reparto commerciale che è in grado di capire le necessità dell’azienda e di contestualizzare le richieste del potenziale cliente in base al settore di appartenenza. Solo dopo un’attenta analisi viene proposta la soluzione; e dopo la vendita del prodotto entra in azione il Reparto tecnico, il cuore pulsante del post vendita. Oltre 15 persone sono impegnate giornalmente a supportare i clienti, tramite assistenza tecnica telefonica, consulenza via connessione remota e corsi di formazione in grado di soddisfare ogni livello di conoscenza CAD.

Il mercato di riferimento di QSInfor, è costituito dall’industria meccanica. In particolare, tra i clienti ci sono aziende nel settore del packaging, dell’imbottigliamento e del food processing.

 

 

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn