SCANLAB GmbH, leader tedesca di sistemi di scansione ad alta qualità, lancia sul mercato z-scanner e lo estende ai sistemi di scansione 2D.

La differenza rispetto agli z-axes tradizionali è l’assenza di elemente trasmissivi. Inoltre, le performance dinamiche aprono possibilità tutte nuove all’elaborazione laser.

L’indipendenza dall’orientamento di montaggio offre grandi libertà a costruttori e a nuove integrazioni, particolarmente avvincenti nel caso di uso combinato con lo scanner 2D per microstrutture, incisione ed elaborazione di superfici complesse in forma libera.

Altro prodotto di competenza SCANLAB è il principio galvanometrico in grado di incrementare le performance del laser, incluse accelerazioni prima impensabili l’ungo l’asse z, ormai non più un limite all’elaborazione laser 3D.

Le performance pareggiano con gli strumenti di scansione 2D, anche grazie all’eliminazione delle ottiche trasmissive, che non aumentando le dinamiche massimizzano tuttavia la flessibilità di integrazione. I vantaggi si notano nella progettazione di macchine complesse.

Usando un laser a 120W non è richiesto un sistema di raffreddamento. Per laser a potenza maggiore, è possibile una variante con aria fredda. In aggiunta alla variante excelliSHIFT per laser a lunghezza d’onda di 1030-1070 nm, sarà presto fruibile una seconda variante per il range spettrale 515-532 nm.

 

 

 

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn