Con Sustainable Energy for All, Schneider Electric persegue il suo impegno per aiutare a ridurre la povertà energetica e a offrire accesso universale ad un’energia green. Fondamentale è accelerare i progressi nel percorso verso l’obiettivo 7 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, relativo all’energia. Il Gruppo e SEforALL condividono la visione sul tema dell’accesso universale all’energia e l’ambizione di moltiplicare l’efficienza energetica con programmi specifici.

 

La partnership quadriennale tra Schneider Electric e SEforALL per raggiungere l’obiettivo 7 per lo sviluppo sostenibile, è stata firmata il 23 gennaio scorso al meeting annuale del World Economic Forum di Davos da Rachel Kyte, CEO e Rappresentate speciale del Segretariato Generale dell’ONU per di Sustainable Energy for All, e da Jean-Pascal Tricoire, Presidente e CEO di Schneider Electric.

Questa unione rinforza l’impegno di Schneider Electric per fornire accesso universale ad un’energia sicura, affidabile, efficiente e sostenibile – in linea con la sua strategia di sostenibilità.

In quanto partner, Schneider Electric si impegna ad aiutare a sviluppare ed implementare in modo efficace quattro programmi: Building Efficiency Accelerator, Industrial Energy Efficiency Accelerator, People-Centered Accelerator e il nuovo programma Electrification Accelerator, assicurandosi che siano disponibili le giuste risorse.

Il Gruppo ha già affidato a suoi dipendenti la direzione di ognuno dei quattro programmi. Per supportare questo lavoro, avrà accesso alle risorse di SEforALL, come ad esempio le sue heat maps – uno strumento che aiuta a focalizzare l’uso delle risorse per ottenere in massimo impatto in termini di accesso all’energia, efficienza energetica e uso delle rinnovabili.

Queste mappe mostrano il progresso globale del percorso verso un’energia sostenibile basandosi su informazioni provenienti da una grande varietà di fonti, tra cui oltre 80 indicatori (il tipo di energia usata, la qualità delle reti elettriche, i fornitori di energia – etc).

 

 

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn