L’utilizzo di tecnologie pneumatiche, elettriche e proporzionali combinate alle competenze digitali permette a Camozzi di proporre ai propri clienti soluzioni intelligenti in linea con i paradigmi legati all’Industria 4.0.

 

L’evoluzione dei mercati e lo sviluppo sempre più rapido di nuove tecnologie nell’ambito della quarta rivoluzione industriale stanno portando le aziende a rivedere il proprio modello di business.

Questo significa lavorare sia su organizzazione, processi e attività in modo da rendere l’azienda Smart, sia sull’offerta di prodotti e servizi che si integra in un contesto 4.0.

In questo ambito Camozzi intende posizionarsi nel panorama dei fornitori di automazione industriale come Solution Provider multitecnologico. In termini strategici, Camozzi ha quindi sviluppato una famiglia di prodotti che viene implementata costantemente.

La disponibilità delle diverse tecnologie (pneumatica, elettrica) consente di proporre per ogni applicazione la soluzione più performante e di combinarle in sistemi più complessi.

Lo sviluppo di soluzioni customizzate implica la presenza di conoscenze specifiche in merito a applicazioni, competenze meccaniche, elettroniche ed informatiche. Un ecosistema integrato sul quale l’azienda sta investendo molto.

Sebastian Bicelli, Responsabile Marketing Strategico di Camozzi“Il primo risultato è l’ampliamento continuo della gamma dedicata all’attuazione elettrica di C_Electrics che comprende i cilindri Serie 6E e gli assi Serie 5E – spiega Sebastian Bicelli, Responsabile Marketing Strategico di Camozzi. I primi sono attuatori elettromeccanici con vite a ricircolo di sfere conformi alla normativa ISO15552, adatti anche all’utilizzo in situazioni polverose o in situazioni in cui sono presenti forti getti d’acqua; i secondi sono assi elettromeccanici a cinghia dentata realizzati in più varianti, con carrello disponibile in diverse lunghezze (per movimentare carichi più pesanti) e doppio carro (per movimentare carichi voluminosi).”

L’offerta C_Electrics di Camozzi si completa con i motori brushless Serie MTS, la Serie MTB ed i rispettivi azionamenti nelle due versioni DRWS e DRWB oltre ad una gamma di accessori che comprende adattatori, organi di trasmissione e riduttori epicicloidali.

Un altro fattore che contraddistingue la strategia dell’azienda è la scelta di limitare l’outsourcing dello sviluppo di componenti in modo da mantenere al proprio interno quelle competenze trasversali in grado di guidare il cliente nella scelta della tecnologia più appropriata.

“Nel rispetto del nostro modus operandi, abbiamo sviluppato il software QSet – commenta Bicelli – che permette di configurare in modo semplice il sistema motore e attuatore elettromeccanico. Il software si interfaccia in modo naturale ai nostri azionamenti e permette di programmarli in modo semplificato, senza necessariamente conoscere opzioni e parametri complessi. La fase di sviluppo dell’interfaccia uomo macchina è stata oggetto di una ricerca dedicata: l’obiettivo era la realizzazione di un programma intuitivo e facilmente utilizzabile, così da ridurre notevolmente i tempi di configurazione attraverso scelte guidate semplici e veloci.”

La novità più significativa presentata sul mercato da Camozzi riguarda l’azionamento DRCS: un prodotto che fa parte della nuova generazione di prodotti intelligenti, realizzati sfruttando le tecnologie digitali ed in linea con i paradigmi legati all’industria 4.0.

I nuovi azionamenti Serie DRCS sono stati appositamente studiati per gestire tutti i motori Stepper a 2 fasi, con avanzamento a micro-stepping e in grado di calcolare la naturale frequenza di risonanza dei motori e di ottimizzarne il funzionamento.

“Oltre a ciò è possibile sfruttare la tecnologia NFC – conclude Bicelli – per estrarre dati di fabbrica e dati statistici relativi all’impiego dell’azionamento, parametri ormai fondamentali per potersi approcciare all’industria 4.0. Per la programmazione, la disponibilità di 8 input permette la realizzazione di una tabella di 256 comandi, per ognuno dei quali è possibile impostare posizione, velocità, accelerazione e decelerazione. Ogni comando può essere di tipo assoluto o relativo. Inoltre, è possibile controllare l’azionamento in frequenza utilizzando comandi di Step e Direzione. La frequenza definisce la velocità e il numero di step definisce la posizione. Gli azionamenti Serie DRCS sono stati muniti di protocollo seriale CANopen CiA301 e CiA402 per permettere l’esecuzione di comandi per il controllo del moto ed integrazione per il monitoraggio dello stato dell’azionamento”.

C_Electrics rappresenta un altro passo in avanti per consentire scelte efficaci alla base delle soluzioni di automazione industriali. Una famiglia di prodotti in grado di garantire costi di gestione bassi ed un’elevata continuità d’esercizio.

 

 

 

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn