Categoria: In evidenza

IBE 2018, una nuova culutra d’azienda per un modello di business sostenibile

Appuntamento a IBE 2018. Vieni a scoprire il nuovo Cocktail 4.0 per la progettazione del valore nell’era digitale! Modelli di business, Digital Twin, Cloud, IoT, Progettazione, PLM, ambienti collaborativi, Industry 4.0, Automazione. Le nuove fondamenta per una rinnovata competitività in un mercato sempre più globale e complesso. IBE 2018, un’opportunità unica per riflettere sui nuovi modelli d’impresa

NetApp assicura la business continuity di TWT

La soluzione MetroCluster di NetApp – basata sul sistema operativo Ontap e sulla potente tecnologia storage di nuova generazione All Flash – ha permesso a TWT di raggiungere servizi di qualità ottimali per rendere sostenibile, efficiente ed efficace la nuova dimensione operativa dell’azienda, che progressivamente è evoluta da fornitore di servizi di telecomunicazione a full service provider, integrando nella propria offerta una vasta di servizi internet e cloud.

Autonomous car, il futuribile mercato dell’auto e la visione di Siemens PLM

L’incedere della trasformazione digitale fa da catalizzatore della trasformazione dell’industria dell’Automotive. L’auto di oggi e quella del futuro faranno sempre più riferimento a piattaforme di piattaforme, un ecosistema che favorirà l’accelerazione dello sviluppo di nuove modalità di progettazione e produzione delle macchine. Cosa bolle in pentola in casa Siemens PLM? Quali i possibili scenari che si vanno configurando?

Industry 4.0 e Cyber Security, la visione di F-Secure

Nell’era digitale ogni impresa è un potenziale bersaglio poiché ogni asset aziendale vale soldi. La cyber security secondo F-Secure è un processo continuo di miglioramento costante, che si evolve e si adatta con la stessa rapidità degli attacchi. Non funziona come una bacchetta magica, ma richiede una combinazione di competenza professionale e tecnologia in costante miglioramento per prevedere, prevenire, rilevare e rispondere alle violazioni in modo completo.

Industrial IoT, la nuova corsa all’oro

L’ultimo tormentone tecnologico di cui andiamo disquisire in questo articolo è l’IoT. A dire il vero, poichè facciamo riferimento alla declinazione IoT per il settore industriale, è più corretto parlare di IIoT o Industrial Internet of Things, cioè una dimensione costituita da miliardi di dispositivi smart ( McKinsey prevede che per il 2025 il mercato globale dell’IoT possa raggiungere un valore di 11 trilioni di $. Di questi ben il 70% si ipotizza possa essere associato al mercato industriale). Stiamo parlando di dispositivi dotati oltre che di funzionalità intrinseche specifiche, anche di sensoristica sempre più sofisticata, miniaturizzata, digitale, che misura alcune caratteristiche del contesto (temperatura, pressione, umidità, posizione, campo magnetico, …) e che integra la capacità di interconnessione autonoma a Internet. Tutto questo contribuisce a realizzare una rete globale sempre più fitta e precisa nel misurare e monitorare il contesto globale sviluppando capacità di comunicazione autonoma

La cultura del valore o il valore della cultura? Appuntamento a IBE 2018

In un mondo che si muove a velocità straordinaria la parola d’ordine è acquisire rinnovate competenze, capacità e conoscenza. E’ questo uno dei temi che saranno trattati nel corso della quinta edizione di Industry Big Event, l’evento promosso da Pentaconsulting dedicato all’innovazione, alla capacità di generare/progettare valore a supporto di una rinnovata competitività in un mondo globalizzato.

Industria 4.0, impresa interconnessa e cybersecurity

L’architettura di sicurezza deve essere aggiornata coerentemente alla trasformazione che innesca il deployment di infrastruttura IoT e prevedere una diversificata protezione dei dispositivi fisici, delle reti, dei sistemi, delle applicazioni di controllo e analisi, dei dati. Una logica di difesa globale, end to end, che possa essere estesa dal singolo device alla rete e alla sua infrastruttura e, non ultimo, alla piattaforma cloud. La cybersecurity è la risposta per risolvere esigenze di protezione integrata in ciascun segmento del conglomerato IT-OT, garantendo disponibilità e affidabilità delle comunicazioni, dalla dimensione edge – operazionale e di produzione – dove i dati vengono raccolti, alla dimensione cloud dove i dati vengono convogliati, elaborati e analizzati.

Intelligenza Artificiale, quello strano oggetto del desiderio delle aziende italiane

La grande maggioranza dei CEO italiani reputano l’Intelligenza Artificiale un fattore di grande importanza per lo sviluppo del business, ma manca ancora una consapevolezza diffusa sul fenomeno. Gli investimenti maggiori saranno orientati prevalentemente allo sviluppo di nuovi servizi e prodotti (40%) e al raggiungimento di una maggiore efficienza produttiva (36,4%). I risultati della ricerca commmissionata da Sap Italia a The European House Ambrosetti che ha coinvolto i dirigenti di oltre 500 grandi organizzazioni, sia italiane che multinazionali.

Real Time to Market: il business alla velocità di mercato

Time to Market ovvero il tempo che intercorre dall’ideazione di un prodotto alla sua effettiva commercializzazione. E’ un’espressione che raramente si sente usare nelle innumerevoli discussioni che hanno come oggetto la trasformazione digitale. Eppure è proprio il Time to Market che nel corso di questi anni ha condizionato i fondamentali dell’evoluzione tecnologica a supporto della trasformazione digitale. In ogni suo ambito. La velocità che caratterizza il mercato e i consumi necessita di Real Time to Market. Se guardiamo a tutto a quanto è andato affermarsi nell’ultimo decennio ci si può facilmente rendere conto che lo scenario di cui stiamo parlando sta assumendo contorni sempre più definiti.

Machinery, nel 2017 l’Italia cresce del 9,6%. Consumo interno a doppia cifra, bene le esportazioni

La produzione italiana di macchine utensili, robot e automazione si è attestata a 6.085 milioni di euro, registrando un aumento del 9,6% rispetto al 2016 (8,7% in termini reali). Il consumo è cresciuto del 15,7% a 4.464 milioni grazie soprattutto all’ottimo andamento delle consegne sul mercato interno cresciute del 17,4%, a 2.700 milioni.
Dopo un 2016 negativo, tornano a crescere le esportazioni attestandosi a 3.385 milioni di euro, il 4,1% in più rispetto all’anno precedente (+ 3,3% in termini reali), assicurando nuovamente all’Italia il terzo posto tra gli esportatori, alle spalle di Germania e Giappone.

Federmacchine, fatturato comparto cresce del 9,7%

Più che positivo il conto economico dell’industria italiana costruttrice di beni strumentali nel corso del 2017. Secondo i dati di consuntivo presentati da Federmacchine il fatturato delle 5.150 imprese appartenenti ai tredici comparti dell’associazione ha raggiunto nell’anno i 46,6 miliardi di euro, mettendo a segno un incremento del 9,7% rispetto all’anno precedente, stabilendo così un nuovo massimo storico equivalente al 2,7% del prodotto interno lordo.

Industry Big Event 2018: come progettare valore alla velocità del mercato

Progettare il Valore diventa l’obiettivo attuale e futuro dei responsabili dello sviluppo di nuovi prodotti e/o servizi. In un mondo che si muove a velocità straordinaria la parola d’ordine è acquisire rinnovate competenze, capacità e conoscenza. E’ questo uno dei temi che saranno trattati nel corso della quinta edizione di Industry Big Event, l’evento promosso da Pentaconsulting dedicato all’innovazione, alla capacità di generare/progettare valore a supporto di una rinnovata competitività in un mondo globalizzato

General Electric brevetta l’uso della blockchain nella stampa 3D

General Electric (GE) ha depositato un brevetto per utilizzare la tecnologia blockchain nella convalida e nella verifica di oggetti stampati in 3D nella propria catena di fornitura. Il brevetto si applica ai metodi per implementare un sistema di distributed ledger nella produzione additiva. Con l’affermazione della stampa 3D, la produzione manifatturiera – da sempre un processo che richiede una grande dispendio di risorse – finanziarie, umane e ambientali – tende a ad allargarsi a un numero di soggetti sempre maggiore. Chiunque abbia oggi una stampante 3D e un progetto di design è in grado di rendere disponibili i propri prodotti sul mercato.

Nasce MindSphere World Italia, l’associazione per lo sviluppo dell’ecosistema IOT

Siemens Italia promuove la nascita di MindSphere World Italia, l’associazione che si pone l’obiettivo di estendere l’ecosistema IoT di Siemens in Italia, Francia, Spagna e Portogallo. Dopo la Germania, l’Italia è il secondo Paese dove nasce l’associazione. 17 partner i partner che hanno aderito all’iniziativa. MindSphere è il sistema operativo aperto per l’IoT basato su cloud e centro dell’offerta Siemens nel campo della digitalizzazione. Si tratta di un ecosistema che consente di raccogliere, analizzare e trasformare i dati già disponibili e prodotti da uno stabilimento, un impianto, un’infrastruttura, una macchina o linea produttiva, in conoscenza e informazioni, ovvero la base per il successo delle aziende ai tempi di Industria 4.0.

Produttività, la tecnologia non basta

Siamo nel pieno di una rivoluzione tecnologica. La progressione dell’innovazione ha reso disponibili nuovi fattori abilitanti una rinnovata competitività. Eppure tutto ciò non si è ancora tradotto in un aumento generalizzato della produttività. Gli studi del Fondo Monetario Internazionale evidenziano come negli ultimi dieci anni gli indici di produttività siano peggiorati, un fenomeno che ha interessato e interessa, sia le economie avanzate sia le economie emergenti. E’ una tendenza che ha subito un’accelerazione a partire dal 2008, anno in cui si è innescata la crisi finanziaria globale, ma che comunque si era iniziata ad evidenziare già nel precedente decennio. Un processo che secondo gli analisti è del tutto coerente con le dinamiche che precedono e seguono i fenomeni recessivi più intensi.

Mecal accelera l’innovazione di macchine e servizi offerti ai clienti con EcoStruxure

La tecnologia di realtà aumentata con EcoStruxure Augmented Operator Advisor e la piattaforma in cloud: elementi chiave per ridurre i fermi macchina e il time to market e ottenere più competitività. Mecal nasce nel 1978 come azienda specializzata nella realizzazione di macchine foratrici e punzonatrici del profilato estruso d’alluminio, destinato al settore finestre e serramenti. Negli anni, grazie all’impegno e alla capacità imprenditoriale del fondatore Ennio Cavezzale e della famiglia Meschini, Mecal ha ampliato la sua attività; oggi il core business dell’impresa è rappresentato dalla produzione di sistemi e macchine a controllo numerico per il taglio di lavorazione di alluminio, pvc, leghe leggere

Beckhoff-Vitrociset, una partnership d’eccellenza per la sicurezza industriale

La sicurezza dell’intera infrastruttura IoT rappresenta un aspetto critico ad alta priorità, che deve essere risolto indirizzando problematiche specifiche in termini di difesa perimetrale e monitoraggio interno dell’infrastruttura di rete per proteggere i cosiddetti “Industrial Control Systems”, che sono basati su tecnologie SCADA, DCS e PLC. In questa ottica Beckhoff risponde con una soluzione integrata sviluppata insieme a Vitrociset SpA, partner d’eccellenza nell’ambito della Cyber Security.

Mate, una robotica indossabile

Il recente annuncio di Comau sul prossimo esoscheletro Mate testimonia della progressiva trasformazione del lavoro industriale. Presentato per la prima volta alla fiera Automatica di Monaco di Baviera a fine giugno scorso, Comau descrive Mate come un esoscheletro leggero (3,0 kg) progettato per assistere il movimento di “flessione-estensione” della spalla. Sono tre gli elementi che compongono l’esoscheletro Mate: Interfaccia indumento, ovvero le parti a contatto diretto con il corpo dell’utente. Scatola del generatore di torsione, che memorizza e trasforma la potenziale energia meccanica per creare sette livelli di coppia di assistenza regolabile. Parti meccaniche della catena della spalla che facilitano il libero movimento dell’utente, come i giunti scorrevoli e rotanti.

La logistica diventa il terreno di coltura ideale per la robotica

I robot diventano più intelligenti, agili e flessibili, e acquisiscono ulteriore importanza nella catena di approvvigionamento. Dai veicoli a guida autonoma ai bracci robotici collaborativi, dai droni ai dispositivi esoscheletrici, la robotica sta portando nuovi livelli di efficienza e produttività nei processi logistici. La tecnologia è in continuo miglioramento. I costi sono in calo e la messa in opera dei robot è sempre più facile. Un recente rapporto della società di analisi del mercato Tractica ha rilevato che il numero di robot in utilizzo  a livello globale nei magazzini crescerà di circa quindici volte nei prossimi 4 anni, passando dai 40.000 del 2016 ai 620.000 nel 2021 e moltiplicando per dieci il valore complessivo che da 1,9 miliardi di dollari arriverà a 22,4 miliardi.

Umbra Control ottimizza con tecnologia Beckhoff la soluzione per il building 4.0

L’integrazione dei sistemi nel settore building non è solo una necessità, ma un vero e proprio dovere imprenditoriale per adeguarsi a quel nuovo modello di business richiesto da un mercato in piena trasformazione digitale. Edifici intelligenti, con sottosistemi interconnessi e adattivi, sono la chiave per una gestione efficiente e automatizzata in cui gli sprechi sono ridotti e i vantaggi amplificati. La New Automation Technology di Beckhoff consente oggi al system integrator Umbra Control  di ottimizzare in logica 4.0 il software Visiosuite

Ingegneria: l’analisi predittiva non è solo big data

L’analisi predittiva può essere sfruttata insieme alla simulazione per valutare diverse architetture nelle fasi iniziali di sviluppo del prodotto, per capire quale tipo di architettura sia più idoneo alle esigenze del cliente. Si possono creare simulazioni 3D e integrarle con questi modelli architetturali iniziali. Si possono quindi aggiungere i dati dei test e vedere come questi si rapportano alle simulazioni, per migliorare i modelli e aumentare l’affidabilità dei sistemi. I big data vengono considerati “un giacimento” da esplorare per estrarre informazioni e poter fare previsioni. Siamo passati dall’osservare dati che raccontano ciò che è successo, a comprendere perché qualcosa è successo, fino a poter prevedere cosa accadrà in futuro.

Più robot, più mercato, più economia

In termini di vendite in volume per il 2017 IFR dichiara un venduto globale pari a 387mila unità per una crescita rispetto al 2016 dell’ordine del 31%, La crescita maggiore è stata registrata in Cina (+58%) per complessive 138mila unità, mentre Germania e Stati Uniti hanno evidenziato crescite rispettivamente dell’8% e del 6%.

Schneider Electric: la sicurezza a 360 gradi, dalle macchine alla cybersecurity

Costruttori di macchine e system integrator hanno un ruolo fondamentale nella diffusione della sicurezza integrata, fisica e digitale. La capacità di offrire al cliente soluzioni all’avanguardia su entrambi i fronti può rappresentare un vero valore competitivo. Nel mondo industriale l’importanza della sicurezza per le macchine e le persone che operano su di esse è un dato assodato: normative specifiche e stringenti sono il quadro entro cui si colloca l’azione di costruttori che sono consapevoli di come la sicurezza, realizzata con approcci e tecnologie innovative, possa diventare un fattore di competitività e permettere di offrire soluzioni più performanti.

Collega i tuoi dispositivi via Wireless con le soluzioni di connettività di HMS

Nel campo dell’automazione le soluzioni wireless industriali, in quanto versatili ed efficienti, offrono nuove possibilità. Con Wireless LAN o Bluetooth, le costose canalette per i cavi vengono sostituite dalla moderna tecnologia wireless e le utenze mobile vengono integrate nella rete in modo semplice e sicuro. Le reti wireless permettono la realizzazione di sistemi di comando mobili che utilizzano dispositivi intelligenti standard come tablet o smartphone all’insegna del motto “Bring your own device” (BYOD). Le soluzioni proposte da HMS Industrial Networks

Servitizzazione, il servizio oltre il prodotto

Mentre l’industria manifatturiera torna a crescere e le aspettative dei clienti aumentano, il ruolo degli OEM si sta evolvendo più che mai. L’attitudine dei consumatori passa da “possesso” a “utilizzo” di un bene e costringe i produttori a ridefinire i propri modelli di business. L’industria manifatturiera sta assistendo a un passaggio alla servitizzazione – un termine che ahimé in lingua italiana è davvero improponibile – ma che riassume in sè il concetto di prodotto come oggetto attorno al quale possono essere implementati una serie di servizi. La servitizzazione ha un impatto particolare sul servizio post-vendita o sul servizio fornito dopo la vendita iniziale di un prodotto. Dato che oggi i prodotti sono sempre più “smart” e dotati di sensori

MBN e Manudirect, lavorazione additiva di dettaglio e materiali

MBN Nanomaterialia, fondata nel 1994, produce materiali avanzati in polvere attraverso un processo proprietario basato sulla macinazione ad alta energia. La tecnologia permette di produrre materiali contraddistinti da una struttura cristallina “nanostrutturata”, con proprietà migliorate rispetto ai materiali tradizionali quali resistenza all’usura e resistenza meccanica. I materiali di MBN trovano impiego in vari settori industriali e in particolare nella produzione di utensili da taglio, nei rivestimenti per termospruzzatura e nel settore biomedicale.

Un ambiente di progettazione end-to-end per valorizzare la produzione additiva

Aiutare le imprese a definire e individuare nuove modalità di progettazione dove simulazione e ottimizzazione topologica diventano gli elementi fondanti e strategici per acquisire nuova competitività nello sviluppo prodotto. Intervista a Giulio Turinetti, Business Developer – Multiphysics Solutions di Altair Italia. Le tecnologie additive offrono infinite possibilità di customizzazione, incremento e ottimizzazione delle performance del prodotto nonché riduzione di tempi e costi di fabbricazione e assemblaggio. Complessità di forma, complessità di materiale, complessità funzionale, sono le sfide con cui ci si confronta, sfide che possono essere risolte soprattutto nella dimensione ingegneristica e progettuale.

Stampa 3D o progettazione integrata?

Come in ogni settore industriale, anche i produttori di beni durevoli subiscono forti pressioni per fornire ai propri clienti prodotti migliori in tempi più rapidi. Per restare al passo con l’evoluzione dei consumi, le aziende devono essere agili e snelle per cogliere le nuove opportunità più velocemente dei concorrenti. Non si tratta di rincorrere le mode, quanto piuttosto di fare innovazione e sfruttare le tecnologie più avanzate per velocizzare la progettazione dei prodotti, tutto questo rispettando leggi e normative di settore sempre più articolate e assicurandosi di fornire prodotti di alta qualità.

HMS rende le tue macchine e dispositivi pronti per l’IIoT

HMS Industrial Networks, fornitore leader di tecnologia di connettività di rete per dispositivi industriali e il controllo da remoto con le soluzioni Anybus, IXXAT ed eWON, è il giusto partner per tutte le realtà aziendali che si occupano di robotica e sistemi di visione. Grazie alla sua vasta gamma di prodotti, HMS è in grado di proporre valide soluzioni capaci di ottimizzare i processi di produzione, garantendo affidabilità con totale soddisfazione dei clienti.

Motion e Robotica: innovazione continua per macchine pronte al futuro

Capacità di integrare robot a livello di macchina; soluzioni che consentono il controllo feed forward e un’ampia serie di strumenti software per operazioni di simulazione, emulazione e programmazione capaci di gestire tutta l’automazione della macchina che integra la robotica. L’offerta motion per la robotica di Schneider Electric si inserisce al 100% nell’evoluzione verso l’industria 4.0, con soluzioni smart e connesse.

Le nuove frontiere della manifattura additiva

L’esplosione di una sempre maggiore offerta di tecnologie e sistemi per la produzione industriale basata su processi additivi è una rivoluzione epocale nel mondo dell’industria manifatturiera. Quali le potenzialità, le opportunità, le criticità, i limiti e le possibili evoluzioni della manifattura additiva? Intervista a Paolo Bariani, responsabile del Laboratorio TE.SI.

La produzione del software ai tempi dell’IOT

Metodologie e strumenti per gestire lo sviluppo software in dimensioni applicative dove convergono una molteplicità di oggetti eterogenei. Come affrontare la complessità dell’interconnessione applicativa. Intervista a Riccardo Bernasconi, Sales Manager di Emerasoft. “Il Software è il nuovo valore aggiunto che rappresenta l’elemento differenziante di un’offerta vincente. Questa asserzione è valida in qualsiasi settore. Ogni prodotto è arricchito da portali, app e smart device. L’insieme di questi oggetti interconnessi, comunicanti tra loro e fruibili da utenti di diversa cultura informatica, compone l’IOT”. E’ con questa affermazione che inizia la nostra conversazione con Riccardo Bernasconi, Sales Manager di Emerasoft.

Pneumax, obiettivo smart factory

Per Pneumax, leader nel mercato dei componenti per l’automazione industriale, diventa strategico adottare un modello di operatività collaborativa dove dimensione progettuale e dimensione produttiva diventano strutture allineate a uno stesso obiettivo: lo sviluppo di componenti abilitanti soluzioni smart. Intervista a Domenico Di Monte, Corporate Brand Manager dell’azienda

La best practice MERITOR-MOOG per il test e la prototipazione di assali

Effettuare test a fatica e di efficienza per gli assali di veicoli da trasporto richiede ingegno, esperienza, capacità progettuale nonché tecnologie e componenti abilitanti super performanti. MERITOR, presso il laboratorio in provincia di Novara, ha realizzato un banco prova che utilizza la rivoluzionaria tecnologia elettroidrostatica di MOOG. Il risultato? Un significativo incremento di efficacia ed efficienza del banco prova e una riduzione dei costi di esercizio. Il mercato dei veicoli da trasporto richiede per sua natura un elevato coefficiente di sicurezza, coerente con quanto previsto dalla regolamentazione europea. Tutte le componenti chiave dei sistemi devono superare test molto severi.

Un ambiente integrato di soluzioni e software per il mondo industriale

L’obiettivo di Siemens PLM Software è orientare i clienti nella definizione e realizzazione di una digital enterprise in grado di sostenere le sfide del nuovo mercato. Al centro di questa strategia una gamma completa di soluzioni end-to-end per soddisfare esigenze di produzione diversificate. Intervista a Federica Gilardi, Senior Marketing Manager di Siemens Industry Software.

Loading