Categoria: IOT

Autonomous car, il futuribile mercato dell’auto e la visione di Siemens PLM

L’incedere della trasformazione digitale fa da catalizzatore della trasformazione dell’industria dell’Automotive. L’auto di oggi e quella del futuro faranno sempre più riferimento a piattaforme di piattaforme, un ecosistema che favorirà l’accelerazione dello sviluppo di nuove modalità di progettazione e produzione delle macchine. Cosa bolle in pentola in casa Siemens PLM? Quali i possibili scenari che si vanno configurando?

Industry 4.0 e Cyber Security, la visione di F-Secure

Nell’era digitale ogni impresa è un potenziale bersaglio poiché ogni asset aziendale vale soldi. La cyber security secondo F-Secure è un processo continuo di miglioramento costante, che si evolve e si adatta con la stessa rapidità degli attacchi. Non funziona come una bacchetta magica, ma richiede una combinazione di competenza professionale e tecnologia in costante miglioramento per prevedere, prevenire, rilevare e rispondere alle violazioni in modo completo.

Industrial IoT, la nuova corsa all’oro

L’ultimo tormentone tecnologico di cui andiamo disquisire in questo articolo è l’IoT. A dire il vero, poichè facciamo riferimento alla declinazione IoT per il settore industriale, è più corretto parlare di IIoT o Industrial Internet of Things, cioè una dimensione costituita da miliardi di dispositivi smart ( McKinsey prevede che per il 2025 il mercato globale dell’IoT possa raggiungere un valore di 11 trilioni di $. Di questi ben il 70% si ipotizza possa essere associato al mercato industriale). Stiamo parlando di dispositivi dotati oltre che di funzionalità intrinseche specifiche, anche di sensoristica sempre più sofisticata, miniaturizzata, digitale, che misura alcune caratteristiche del contesto (temperatura, pressione, umidità, posizione, campo magnetico, …) e che integra la capacità di interconnessione autonoma a Internet. Tutto questo contribuisce a realizzare una rete globale sempre più fitta e precisa nel misurare e monitorare il contesto globale sviluppando capacità di comunicazione autonoma

Schneider Electric a Forum Meccatronica

Schneider Electric è partner della quinta edizione di Forum Meccatronica, che si terrà a Torino presso il CNH Industrial Village il 26 settembre prossimo. L’azienda contribuirà ai contenuti dell’evento con un intervento dedicato all’utilizzo pratico dei Big Data in un caso applicativo concreto di monitoraggio condition based delle macchine. Il caso sarà presentato da Nicola Peli, Group Product Manager di Schneider Electric e dal professor Giulio D’Emilia, docente presso l’Università dell’Aquila.

Industria 4.0, impresa interconnessa e cybersecurity

L’architettura di sicurezza deve essere aggiornata coerentemente alla trasformazione che innesca il deployment di infrastruttura IoT e prevedere una diversificata protezione dei dispositivi fisici, delle reti, dei sistemi, delle applicazioni di controllo e analisi, dei dati. Una logica di difesa globale, end to end, che possa essere estesa dal singolo device alla rete e alla sua infrastruttura e, non ultimo, alla piattaforma cloud. La cybersecurity è la risposta per risolvere esigenze di protezione integrata in ciascun segmento del conglomerato IT-OT, garantendo disponibilità e affidabilità delle comunicazioni, dalla dimensione edge – operazionale e di produzione – dove i dati vengono raccolti, alla dimensione cloud dove i dati vengono convogliati, elaborati e analizzati.

Mobile Computer Vision, Scandit ottiene un secondo round di finanziamenti

Scandit, piattaforma tecnologica enterprise per la mobile computer vision, la scansione di codici a barre e la realtà aumentata, ha annunciato di aver raccolto 30 milioni di dollari di finanziamento da venture capital tra cui spicccano Google Ventures, NGP Capital e Atomico. Il finanziamento di serie B – ovvero liquidità che viene offerta a startup che hanno già raggiunto la maturità per consolidare la propria posizione – si aggiunge a quello di 13 milioni già ottenuto in precedenza.

Nasce MindSphere World Italia, l’associazione per lo sviluppo dell’ecosistema IOT

Siemens Italia promuove la nascita di MindSphere World Italia, l’associazione che si pone l’obiettivo di estendere l’ecosistema IoT di Siemens in Italia, Francia, Spagna e Portogallo. Dopo la Germania, l’Italia è il secondo Paese dove nasce l’associazione. 17 partner i partner che hanno aderito all’iniziativa. MindSphere è il sistema operativo aperto per l’IoT basato su cloud e centro dell’offerta Siemens nel campo della digitalizzazione. Si tratta di un ecosistema che consente di raccogliere, analizzare e trasformare i dati già disponibili e prodotti da uno stabilimento, un impianto, un’infrastruttura, una macchina o linea produttiva, in conoscenza e informazioni, ovvero la base per il successo delle aziende ai tempi di Industria 4.0.

HMS rende le tue macchine e dispositivi pronti per l’IIoT

HMS Industrial Networks, fornitore leader di tecnologia di connettività di rete per dispositivi industriali e il controllo da remoto con le soluzioni Anybus, IXXAT ed eWON, è il giusto partner per tutte le realtà aziendali che si occupano di robotica e sistemi di visione. Grazie alla sua vasta gamma di prodotti, HMS è in grado di proporre valide soluzioni capaci di ottimizzare i processi di produzione, garantendo affidabilità con totale soddisfazione dei clienti.

Telit diventa partner di Siemens per l’IIoT

Telit, fornitore globale di soluzioni IoT, ha recentemente annunciato che i clienti Siemens potranno iniziare a utilizzare la sua piattaforma IIoT deviceWISE per integrare un’ampia gamma di beni industriali IoT utilizzando MindSphere, il sistema operativo IoT aperto basato su cloud di Siemens. Telit è un “Gold Partner” nel programma MindSphere Partner di Siemens. Telit metterà a diposizione dei propri clienti personale tecnico formato e certificato da Siemens. L’accordo prevede anche oeprazioni di  go-to-market congiuntoe per assistere i clienti nel raggiungimento di un valore di business sostanziale attraverso la tecnologia IoT in generale e MindSphere in particolare.

La produzione del software ai tempi dell’IOT

Metodologie e strumenti per gestire lo sviluppo software in dimensioni applicative dove convergono una molteplicità di oggetti eterogenei. Come affrontare la complessità dell’interconnessione applicativa. Intervista a Riccardo Bernasconi, Sales Manager di Emerasoft. “Il Software è il nuovo valore aggiunto che rappresenta l’elemento differenziante di un’offerta vincente. Questa asserzione è valida in qualsiasi settore. Ogni prodotto è arricchito da portali, app e smart device. L’insieme di questi oggetti interconnessi, comunicanti tra loro e fruibili da utenti di diversa cultura informatica, compone l’IOT”. E’ con questa affermazione che inizia la nostra conversazione con Riccardo Bernasconi, Sales Manager di Emerasoft.

Loading