Sono previste denunce di successione, 730 precompilato da parte del contribuente, nuovo spesometro, presentazione online dei corrispettivi, fatturazione elettronica e richieste degli uffici che arriveranno via pec.

E’ fallito, di fatto, il “progetto carta zero” che avrebbe dovuto quanto meno ridurre l’impiego della carta.

Ecco quindi che è previsto un credito d’imposta di 100€, per i contribuenti con volume d’affari non superiore a 50 mila euro, per l’adeguamento tecnologico di presentazione telematica delle fatture emesse e ricevute e delle comunicazioni periodiche iva. 50€ in più per i contribuenti che presenteranno telematicamente i corrispettivi giornalieri. Un ulteriore 50€ per presentare le fatture elettroniche con il sistema di interscambio.

In materia di semplificazione fiscale, il 730 precompilato potrà essere telematicamente inviato all’Agenzia delle Entrate entro il 23 luglio. In contro tendenza gli F24 inferiori ai 1000€ che potranno essere pagati con modello cartaceo.

La notifica degli avvisi potrà essere notificata direttamente dall’ufficio competente via pec; in caso di problemi di recapito verrà notificato l’atto a mezzo di lettera raccomandata.

Anche le denunce di successione potranno essere telematiche ma per tutto il 2017 sarà ancora possibile usare il vecchio modello in formato cartaceo.

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o Linkedin