Cisco Italia ha avviato, nel gennaio 2016, il piano Digitaliani, un impegno che l’azienda ha voluto prendere in collaborazione con il Governo, per accelerare la digitalizzazione nel nostro paese, affrontando gli snodi chiave per la sua trasformazione digitale: le competenze, lo sviluppo dell’ecosistema di innovazione, la digitalizzazione nei settori produttivi chiave del Made in Italy e nella Pubblica Amministrazione, la trasformazione per le infrastrutture strategiche quali possono essere trasporti e utility.

L’azienda sta lavorando concretamente in ciascuno di questi ambiti, per affiancare imprese, governi e persone in un nuovo scenario che emerge con forza dall’evoluzione delle tecnologie: la trasformazione digitale. E’ uno scenario in cui l’interconnessione di persone, processi, dati e oggetti che già oggi conosciamo raggiungerà livelli senza precedenti, aprendo possibilità inesplorate di innovazione e trasformazione dei processi aziendali, delle comunità in cui viviamo, dell’educazione, degli strumenti per affrontare le sfide economiche, sociali ed ambientali.

Ciò è possibile grazie all’avvento di Reti sempre più intelligenti, aperte e capaci di assorbire la complessità tecnologica generata dall’interconnessione di decine miliardi di elementi – garantendo allo stesso tempo sicurezza, flessibilità e accesso.
Cisco lavora concretamente per fare sì che le aziende italiane trovino un loro percorso specifico verso la digitalizzazione – inclusa quella dei processi produttivi – che tenga conto, senza però aderirvi passivamente, dei modelli che hanno avuto successo in altri paesi. Grazie al digitale, le aziende italiane di ogni dimensione hanno l’opportunità di proiettare la loro eccellenza su mercati più ampi e anche l’eccellenza artigianale può recuperare spazi importanti in un mondo in cui la produzione su piccola scala e la personalizzazione sono ulteriormente facilitate dalla tecnologia.

michele-dalmazzoniL’approccio che Cisco ha adottato con successo con alcuni clienti italiani che hanno intrapreso la via della digital transformation è personalizzato: una volta analizzate le esigenze di business, è stata creata una roadmap che ha consentito l’adozione graduale delle tecnologie abilitanti. Competenze di rete (Cisco si identifica con la storia e l’evoluzione del networking e ha un’offerta di soluzioni specificatamente sviluppata per il networking industriale), capacità di portare la digitalizzazione a livello globale nelle industrie (smart-factory e integrazione di altre tecnologie di eccellenza che la società propone, come ad esempio la collaboration) e approccio di partnership con i nomi più importanti del mondo dell’automazione industriale hanno permesso a Cisco Italia di portare a termine con successo alcuni progetti con aziende italiane quali Inpeco, Marcegaglia, La Marzocco.

Perché la trasformazione digitale abbia effetti positivi e tangibili è necessario uno sguardo d’insieme, dando priorità alla centralità ed alla creazione di condizioni favorevoli per lo sviluppo del capitale umano e delle competenze. Per questo motivo, nell’ambito del programma Digitaliani, Cisco ha siglato un accordo con il MIUR che la vedrà impegnata, nei prossimi tre anni, nella formazione di studenti su tematiche quali, ad esempio, Internet of Things e Cybersecurity.
L’obiettivo di Cisco è di creare un circolo virtuoso in cui collabora con istituzioni, enti accademici, aziende tradizionali, start up, acceleratori per creare innovazione e trasformare il Paese grazie al digitale.