Il brevetto è del dottor Mario Ghinelli e riguarda interventi precisi all’occhio. L’oftalmologo, specialista in microchirurgia oculare, spiega la sua ultima creatura: Osiris.

Il nome sta per Ophthalmic surgery intelligent robot integrated system ed è un brevetto internazionale e rende la massima precisione e riduce a zero l’errore umano. Unisce strumenti chirurgici e sistemi diagnostici di ultima generazione come femtolaser, tomografia e coerenza ottica computerizzata.

Osiris è un connubio fra robotica e mente del chirurgo che rende l’intervento più sicuro, meno invasivo, indolore, riduce i tempi di recupero e abbassa le complicazioni post-operatorie. Il software, durante l’operazione, analizza i segnali che arrivano dal robot e li fa lavorare insieme, come fossero un essere umano.

Osiris è anche uno strumento per insegnare ai giovani medici: può infatti essere utilizzato per simulare un’operazione. E’ prezioso in caso di interventi a distanza. Colloquia con altre tecnologie: è integrabile con tutti i sistemi chirurgici.

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn