Un test di consegna con drone riuscito, che permette un grande passo avanti nel rafforzamento dell’efficienza nella rete UPS e nella riduzione di emissioni. 

Il drone si aggancia al tetto dell’autocarro, una gabbia sospesa si estende mediante un portello all’interno del veicolo, l’autista carica il pacco nella gabbia e con un pulsante touch-screen lo invia all’indirizzo lungo un percorso autonomo stabilito.

Il drone è completamente autonomo così l’autista è libero di effettuare altre consegne con la riduzione di costi chilometrici.

I droni possono aiutare gli autisti in vari punti dei loro percorsi, consentono di risparmiare tempo e soddisfare le crescenti esigenze di servizio al cliente risultanti dalla crescita dell’e-commerce.

A differenza degli altri test effettuati, quest’ultimo dimostra che i droni potrebbero effettuare consegne a domicilio non urgenti, integrandosi con le operazioni quotidiane soprattutto per le consegne rurali che sono le più onerose.

Orion, il software di UPS che già ottimizza la navigazione integrale su strada, permette la riduzione di 1 km per autista al giorno, che si traduce nel corso di un anno, ad un risparmio fino a 50 milioni di dollari.

Per UPS questo test rappresenta una vera e propria svolta nell’ottimizzazione delle consegne, sia in termini di tempo che economici.

 

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn