PTC ha annunciato che la United States Air Force (USAF) ha scelto la soluzione PTC Service Parts Management (SPM) SaaS per fornire una pianificazione integrata della catena di fornitura e per migliorare il supporto sistemi d’arma negli Air Force Sustainment Center (AFSC) in tutto il mondo.

L’USAF gestisce una delle catene di fornitura più complesse del mondo, con oltre 5.000 velivoli, 650.000 componenti, e sistemi di supporto d’armi in 1.500 siti in tutto il mondo.

PTC Service Parts Management è parte della suite di soluzioni Servigistics Service Lifecycle Management e, implementato in modalità SaaS, consentirà all’USAF di gestire in modo più efficiente la sua catena di approvvigionamento, oltre a migliorare la precisione delle previsioni della domanda,  ridurre il carico di lavoro di pianificazione, implementare la pianificazione della catena globale con sostenibilità, migliorare la stima dei costi di logistica, e molto altro.

Sfruttando la soluzione nel Cloud PTC, l’USAF sarà in grado di collaborare e condividere le informazioni in un ambiente sicuro e affidabile in conformità agli standard DoD.

La soluzione Service Parts Management SaaS consentirà inoltre all’USAF di migliorare il supporto Warfighter attraverso le seguenti funzionalità:

  • Demand Planning per generare previsioni di domanda, combinando sofisticati algoritmi di previsione con fattori causali (es. le ore di volo).
  • Inventory Optimization per raggiungere una specifica disponibilità dei sistemi d’arma, e contemporaneamente ridurre al minimo le scorte.
  • Supply Planning per pianificare approvvigionamenti e distribuzione correlando attività di riparazione, acquisto, e distribuzione con le reali esigenze.
  • Exception Management che permette di segnalare errori e di gestire eventi.
  • Performance Management capabilities with analytics, data stratification, metrics, reporting, and dash-boarding capabilities to support root-cause and what-if analyses.
  • Performance Management che fornisce funzionalità di analisi e reportistica dei dati.

 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento, segui la nostra Redazione anche su Facebook, Twitter, Google+ o Linkedin